Title Fight – Floral Green

Un disco punk-rock oscuro, inusuale e maturo di una band che viene dall’hardcore melodico nuova scuola e ultimamente si avvicina molto ai tourmates Make Do And Mend, superandoli però. Accontentarsi del punk-rock classico va sempre bene. Se si cerca qualche strana contaminazione, i Title Fight sono un’ottima idea.

Read more

Radiohead Villa Manin 26/09 Live Report!

Vabbé, lo sapete tutti. Voglio dire, non credo ci sia bisogno di un live report del concerto dei Radiohead, perché ci siete andati tutti. Almeno a una di queste date. E anche se non ci siete andati lo potete immaginare che i Radiohead spaccano. E’ proprio per l’universalità della figaggine dei Radiohead che colgo l’occasione […]

Read more

The Gaslight Anthem – Handwritten

La doppietta iniziale è esaltante. Il resto del disco è una sequela di canzoni carine, godibili, giusto da 6. Quindi facciamo così, se le undici tracce di Handwritten fossero una formazione fantacalcistica, ne uscirebbero una settantina di punti, cioè un gol. In un’ipotetica sfida con The ’59 Sound, perderebbe circa 3-1

Read more

Statuette – Losing Roots

La buona notizia è che al mondo c’è ancora qualcuno che fa quelle scabrose interferenze fra post-hardcore e emo. Quella cattiva, è che lo fa male. Questi Statuette di Austin, a dispetto di una voce interessante e una copertina godibile, esibiscono un livello tecnico a tratti imbarazzante soprattutto nella sezione ritmica, e il suono sporco […]

Read more

Prawn – Ships

Gli Ex-Otago sono uno dei peggiori gruppi della storia del mondo e mi fanno letteralmente vomitare merda. Perché questi insulti gratuiti? Cosa c’entrano gi Ex-Otago con i Prawn? Bhe, un gran cazzo a dire il vero, però il primo pezzo di questo EP si chiama Costa Rica, quindi il parallelo mi era inevitabile. Fortunatamente però, […]

Read more