Tegan And Sara – Heartthrob

Riecco le lesbiche canadesi più famose del mondo! Finalmente siete riuscite a fare un signor disco di merda, eh? Fanculo voi e chi ha inventato sta vaccata che chiamate synth-pop. Ho ascoltato tre canzoni e mi sento sporco. Maledette troie, mi fate schifo. Lasciamo perdere dai, parliamo di cose serie. Ad esempio, parliamo della questione […]

Read more

Bad Religion – True North

Il problema di uno che come me fa finta di fare il giornalista musicale si presenta tutt’altro che finto, ed è: chi ha bisogno di una recensione del nuovo disco dei Bad Religion? Loro sono una garanzia. Quando avete voglia di ascoltare punk-rock ma non sapete che gruppo mettere su perché uno è troppo così […]

Read more

The Forecast – Everybody Left

Mi sono sempre piaciuti i Forecast. E ho sempre provato nei loro confronti un forte sentimento di simpatia mista a rispetto. Un po’ perché il loro buon rock, un po’ panc un po’ emo, ha sempre incontrato i miei gusti, un po’ perché, soprattutto negli ultimi anni, hanno sviluppato quel fascino da “perdenti” che sulle […]

Read more

Cult Of Luna – Vertikal

Seguitemi, perché il discorso, seppur semplice, è un pelino bislacco e insensato. Ti ritrovi ad apprezzare un genere musicale, ok? Lo apprezzi parecchio. Ti procuri svariati dischi e ti gasi ai concerti. Fin qua tutto bene direi. Ecco, a me succede puntualmente che un gruppo, solitamente tra i più affermati e apprezzati del “giro”, mi […]

Read more

Blink 182 – Dogs Eating Dogs

Sono andato per curiosità sul sito dei Blink verso Natale, ho visto un video trailer del loro nuovo ep in uscita di cui assolutamente ero ignaro, mi sono gasato e ho fatto un preorder di 4,99$ con la mia carta prepagata. Per ringraziarmi, mi hanno subito inviato una canzone intera come anteprima, Boxing Day. Detto […]

Read more

Cory Branan – Mutt

Mi sono bastati pochi pezzi di Mutt per capire che questo disco aveva ottime possibilità di piacere anche a mia madre. Innanzitutto Cory Branan è senza ombra di dubbio un bell’uomo. Affascinante, un po’ selvaggio, rude, tutto mio. Il che non guasta. Musicalmente, poi, sembra un bel mix tra certe cose più accessibili di Elliot […]

Read more

The Snips – Highs of Low

Il mio problema con il pop-punk/hardcore melodico/punkrock è che la mia vita fa troppo cagare per mettermi spesso nella disposizione di ascoltarlo, gasarmi in macchina con occhiali da sole e braccio fuori dal finestrino e sorridere a tutti, tuttalpiù facendo qualche linguaccia alla Del Piero. Molto più frequentemente metto su patacche post-rock concettuali da ottanta […]

Read more

Basement – Colourmeinkindness

Ed ecco qui, il disco del 2012 che non ho inserito in top in favore del precedente che aveva l’unico difetto di essere del 2011. Ma si sa, un disco appena fatto va lasciato raffreddare. Nel frattempo i Basement sono diventati più personali, più puliti, più grunge. E si sono sciolti. La loro dipartita sa […]

Read more

The Jealous Sound – A Gentle Reminder

Ci sono dischi che ti fanno impazzire alla prima nota della prima traccia. Altri invece che, nonostante gli sforzi, si rivelano delle enormi e fumanti cacate. E poi…poi ci sono i dischi come questo. Storie strane, diverse. Questo è, detto in tutta serenità, un disco banale, scontato, nostalgico. Ad esser crudeli quasi anacronistico. Perché i […]

Read more

Now, Now – Threads

Speravamo tutti fosse un bluff, ma alla fine il decennio delle donne è arrivato. E, oltre al 50%delle preferenze obbligatorie al seggio elettorale, le vediamo spadroneggiare anche nelle classifiche indie. In genere hanno tutte delle voci fastidiose, o da bambine capricciose di merda, o da troie alla Kesha, o forzatamente grattate un po’ alla Brody […]

Read more