Punisher

Evidentemente doveva andare così. Questo è quello che, forse con insufficiente tatto, continuavo a ripetere a mia madre. Mentre tentavo goffamente di rincuorarla lei era troppo impegnata a mantenere verticale il braccio ingessato e, ancor di più, a cercare di ricacciare nell’apparato lacrimale gli ammassi di liquido formatisi a causa del dolore. O della paura, […]

Read more

The Monitor

Prova a pensarci, non dovrebbero essere poi troppe, giusto una manciata. O almeno me lo auguro. Se fai fatica, cerca di ricordare le volte in cui ti sei sentito dire –dobbiamo parlare, è importante- o qualche altra frase precotta simile. Pensa a tutte le conversazioni che hai dovuto affrontare controvoglia e dimmi se quando ti […]

Read more

Brixen Is For Lovers

La storia romanzata delle mie due settimane a Bressanone e del mio amore viscerale per gli As Friends Rust. Ricordo le mie due settimane a Bressanone come tra le peggiori della mia vita. Non tanto per valore assoluto, quanto più per costanza e picchi di sgradevolezza.Avrei evitato volentieri di andarci, ma se sono riuscito a […]

Read more

Guilty Pleasure

La parte peggiore dell’andare in giro a suonare? Senza dubbio il lasso di tempo tra la fine del check e l’inizio effettivo del concerto. La terra di nessuno. Una sorta di limbo, di mondo fantastico dove potrebbe accadere qualsiasi cosa e invece non succede mai un cazzo. Le ore si dilatano, perdono ogni contatto con […]

Read more

La Lezione Di Arturo

Ricordo ancora quando in un’interrogazione a scuola presi 3. Avrebbe dovuto essere un 2, ma il professore mi regalò un voto extra per essermi alzato dalla sedia ed essere rimasto al cospetto della lavagna, immobile e muto come una guardia della regina, per una manciata di minuti.  Mannaggia a lui. Se solo potesse vedere che […]

Read more

Il miglior kebab della mia vita

L’ho mangiato a Parigi. Il miglior kebab della mia vita, dico, l’ho mangiato a Parigi. A notte inoltrata, dopo una giornata che sembrava non dovesse finire mai. Sfiancante, noiosa. Pazzesco perché quella giornata, considerata l’organizzazione maniacale che avevo riservato al viaggio, avrebbe dovuto filare liscia come l’olio, in un crescendo di soddisfazione e comfort. Del […]

Read more

Chicago

C’è una farfalla in camera mia. È piccola, con delle belle ali bianche sporcate in prossimità dei bordi da alcune macchie marroni. La incontro ogni sera da ormai un paio di settimane. Si posa sulle pagine del libro che sto leggendo o, attratta dai colori guizzanti del monitor, cerca di minare la mia concentrazione mentre porto il […]

Read more

Nobody Likes You When You’re 33

Un mesetto fa mi è successa una cosa piuttosto divertente. Oddio, non così divertente a dire la verità. Mettiamola in questo modo, divertente rispetto ai miei attuali standard di divertimento, ecco. Un amico una sera mi ha invitato a cena a casa sua, una di quelle cene infrasettimanali senza particolari pretese. Una pastasciutta, una bottiglia […]

Read more

After Life

Più passano gli anni più mi rendo conto di quanto sia brutto invecchiare. L’angosciante consapevolezza dell’inesorabile avanzare del tempo che, volente o nolente, si riflette nel corpo e nello spirito. L’incubo peggiore di ogni uomo. Ammetto che il mio corpo sta ancora benone. Anzi, posso affermare con orgoglio di essere in splendida forma, forse come […]

Read more

Capelli viola

Il punkrock mi ha salvato la vita o me l’ha rovinata? Cosa penserà la mamma dei miei capelli viola, e più in generale del mio fallire sempre? Forse la risposta sta in quella volta che ho visto i Boysetsfire.

Read more

Io e Julien

Con un po’ di fortuna il procedimento risulta particolarmente semplice e immediato. Ascolto un disco e mi piace. Piano piano comincio a canticchiare le canzoni col mio inglese maccheronico e imparo a memoria tutti i fill di batteria, così da poterli replicare con le dita sul bordo della scrivania. Dopodiché passo alla lettura dei testi […]

Read more

The party is over

I Menzingers hanno fatto un disco sulla fine dei vent’anni. Si chiama After The Party ed è un gran disco. Questo pezzo invece fa schifo e utilizza linguaggio e concetti volutamente scadenti per venire incontro alle mie scarse capacità mentali.

Read more

Posts navigation